L’epidemia d’Ebola e il business farmaceutico

 
di: Roberta Mura
 
L’emergenza d’Ebola rimane alta in Africa Occidentale. I mass media, ogni giorno, parlano di casi di contagio in Europa, in Canada e negli Stati Uniti, scatenando una psicosi generale. Casi ancora tutti da accertare. Basta una piccola febbre o un mal di pancia per lanciare l’allarme.
L’Ebola, i cui sintomi ricordano i film dell’orrore, fa paura. In Africa e fuori dai suoi confini. Il virus uccide in maniera rapida, molto di più rispetto all’HIV. Oltre 1427 persone sono morte. Il totale dei casi è di 2615.
Dati che hanno indotto l’Organizzazione della sanità mondiale (OMS) a concedere l’autorizzazione per gli esperimenti in Africa in quanto l’epidemia in corso è “un’ emergenza di salute pubblica di livello internazionale”. Pertanto, tutto è lecito, nonostante i tempi siano prematuri.
In un’intervista ripresa dal sito di informazione Cameroonvoice.com, il dottor Garth Nicolson, uno dei maggiori esperti in malattie emergenti, sostiene che la minaccia di Ebola è stata “gonfiata” a causa della “natura spettacolare” dei sintomi. Secondo Nicolson questi sintomi drammatici, che appaiono molto rapidamente, rende l’Ebola relativamente facile da contenere: “Se hai una malattia feroce e altamente fatale, come l’Ebola, si attira un sacco di attenzione. È dunque possibile isolare immediatamente i pazienti, e quindi contenere l’intero processo”. Un po’ come è successo in Guinea, dove la situazione è sotto controllo.
Secondo la ricercatrice Anne Sullivan, l’epidemia potrebbe essere usata per “creare un livello di allerta molto alto, in modo tale da obbligare le persone a vaccinarsi”.
Lo abbiamo visto più volte negli ultimi anni, come per l’influenza suina. Dopo un allarme generale, si è scoperto che il vaccino era più nocivo che altro.
Ora, per l’Ebola c’è il siero sperimentale “ZMapp”. Lo chiamano il “siero magico”, in seguito ai “miglioramenti” del medico missionario statunitense, Kent Brantly, contagiato dal virus in Liberia.
Nulla si sa di questo siero. Non si conoscono i possibili effetti negativi. E finora è stato sperimentato solo sulle scimmie. Tuttavia tutti lo vogliono. I Paesi africani per primi. Soprattutto, Liberia e Sierra Leone, dove la situazione rimane grave a causa dell’inadeguatezza dei governi che non si sono mossi per tempo, nonostante il virus avesse già fatto stragi in Guinea. La carenza di medici, attrezzature e medicine ha fatto tutto il resto.
Dopo il “successo” dello Zmapp , realizzato dalla Mapp Biopharmaceutical Inc. di San Diego, in collaborazione con l’azienda canadese Defyrus, anche le altre grandi multinazionali del settore si sono messe all’opera. Il colosso britannico Gsk e quello statunitense National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) hanno annunciato di aver sviluppato un vaccino contro l’Ebola che verrà sperimentato sull’uomo entro l’anno. Al momento, secondo l’Ansa, ci sarebbero almeno tre farmaci e un vaccino contro il bacillo, sviluppati con contributi del dipartimento della difesa Usa, che hanno dato buoni risultati sugli animali e potrebbero entrare velocemente nella fase clinica dei test.
Nella prassi comune, ogni farmaco dovrebbe infatti superare varie fasi di studio e di sperimentazione per poter poi entrare nel mercato ed essere venduto e somministrato ai malati. A volte ci vogliono addirittura 15 anni.
Come denuncia Leleva.org, negli ultimi anni, però, le multinazionali del farmaco riescono ad eludere il problema di fasi controllo troppo rigide ricorrendo al reclutamento di cavie umane volontarie in Africa e nei Paesi in via di sviluppo, al fine di sperimentare farmaci i cui test non sono ancora stati approvati negli Usa o in Gran Bretagna, ovvero i Paesi in cui si concentrano i due terzi dei profitti farmaceutici mondiali.
Negli Stati Uniti una prova clinica su un paziente costa una media di 10.000 dollari. In Africa è gratis. Oltre ad un risparmio economico, i test di sperimentazione su cavie umane africane permette di risparmiare anche sui tempi, perché le case farmaceutiche sottostanno in questo caso alle legislazioni locali solitamente meno restrittive. Questo permette di arrivare prima sui mercati e di brevettare prima. Per un giorno di ritardo nel lancio di un farmaco, un’azienda farmaceutica perde oltre un miliardo e mezzo di euro.
Come afferma Leleva.org, “il valore vero della sperimentazione quindi non è nel conseguire il miglior prezzo a cui poi vendere un prodotto o la sua migliore efficacia (come poteva essere decenni fa, in cui forse il business aveva ancora un’anima umanistica), ma è l’arrivare primi per brevettare prima”.
Pertanto, alla Mapp Biopharmaceutical Inc, che ha realizzato per primo il virus, entreranno nelle tasche parecchi soldi.
Il clima di allarmismo, suscitato dai media internazionali, ha inoltre creato la condizione ideale in cui i governi africani si sentano in dovere di fare di tutto per arrestare l’epidemia, mancando di lucidità.
Il rischio è che gli africani vengano usati come cavie umane. Non sarebbe la prima volta. Circa il 35 % delle donne africane sono sterili in seguito alla somministrazione di vaccini. Il lancio di medicinali in via di sperimentazione possono avere conseguenze drammatiche. Per fare un esempio: tra il 1967 e il 1978, nello Stato della Georgia, negli Stati Uniti, Washington autorizzò la sperimentazione del Depo-Provera, che ha diverse controindicazioni, tra cui l’osteoporosi e a lungo andare la sterilità, su più di 13mila donne povere, la metà delle quali erano nere. La maggior parte di loro, che non erano a conoscenza della sperimentazione, si sono ammalate. Molte altre sono morte. Medicinali contraccettivi come il Depo-Provera sono stati utilizzati spesso da Washington per ridurre il tasso di natalità dei poveri. Nel 1960, gli Usa erano preoccupati per l’aumento della popolazione del Puerto Rico. Nel 1965 si è riscontrato che il 34% delle donne portoricane tra i 20 e il 49 anni erano state sterilizzate.
Oggi, in Africa, “le case farmaceutiche hanno l’opportunità di sperimentare sull’uomo con l’approvazione dell’opinione pubblica” fa notare un giovane sierraleonese che ha chiesto l’anonimato: “I medici che hanno lanciato l’allarme e che operano nei confini in Guinea o Sierra Leone sono nordamericani. C’è chi pensa che l’epidemia potrebbe essere stata diffusa. Guarda caso gli Stati Uniti o meglio una casa farmaceutica americana ha trovato il vaccino nel momento propizio. Strana coincidenza. Questo è un affare d’oro”.
L’epidemia d’Ebola rischia di diventare un nuovo business farmaceutico. Un déjà vu con l’emergenza dell’HIV, in cui si è speculato facendo soldi facili.
Erano gli anni Ottanta e l’Aids si diffuse in tutto il mondo. Una malattia terribile, incurabile e mortale. Le case farmaceutiche si misero subito a lavoro e poco dopo, nel 1987, uscirono alcuni farmaci “magici”, tra questi: AZT, DDI, 3TC, inibitori della proteasi. Tutti nati negli Stati Uniti.
Alcuni anni dopo la loro uscita nel mercato, un gruppo di autorevoli ricercatori denunciò che l’approvazione di questi farmaci era passato attraverso test incompleti e pressioni di ogni tipo. Il tutto per nascondere al pubblico che gli effetti a lungo termine degli inibitori della proteasi erano sconosciuti e che l’AZT era inefficace e, addirittura, che accelerava la morte di migliaia di ammalati.
La multinazionale Wellcome, divenuta poi Glaxo Wellcome, era a conoscenza degli effetti dannosi, ma se ne infischiò.
Oggi, si rischia di commettere lo stesso errore.
Ancora adesso dell’Ebola si sa ben poco. La prima scoperta del virus risale al 1976, in Congo. L’Ebola è infatti un fiume congolese. Secondo gli studiosi, il virus “abiterebbe” da moltissimo tempo all’interno delle volpi volanti, grossi chirotteri che mangiano frutta e abitano le foreste tropicali. Per trasmetterlo all’uomo il virus potrebbe essere passato dalle volpi volanti alle scimmie o altri animali della foresta, che vengono regolarmente mangiati dalle etnie locali.
Come spiega al telefono Saverio Bellizzi, l’epidemiologo di Msf, tornato da un mese in Italia dopo due missioni in Guinea, “si trasmette tramite il contatto con i fluidi delle persone infette. Il contatto non è via aerea ma via contatto diretto tramite sangue o fluidi idrologici. Il virus è estremamente nocivo all’interno dell’organismo ma è anche molto labile nel senso che basta semplicemente lavarsi le mani con il sapone e si inattiva il virus immediatamente. Per essere veramente contagiati bisogna avere il contatto diretto: toccare una persona che abbia un’alta carica di virus e avere dei sintomi evidenti. Una persona che non ha sintomi non è contagiosa anche se il virus è al suo interno”.
In Guinea, spiega, Bellizzi, in mancanza di vaccini e terapie specifiche, sono state usate “terapie di supporto, quindi idratazione, nutrizione e terapie antibiotiche o antimalariche nel momento in cui il paziente sia affetto da patologie associate. Il tutto perché mira a rinforzare il corpo per combattere meglio il virus”, il cui tasso di mortalità varia dal 25% al 90%. Misure che hanno portato a buoni risultati.
La situazione non è facile. Non solo per la carenza di medici o di attrezzature. “C’è difficoltà principalmente per due motivi: una è l’estrema mobilità delle persone che si muovono da villaggio a villaggio in maniera continua e veloce, quindi una volta contagiati si muovono e possono sviluppare nuovi focolai in nuove zone; e poi le resistenze culturali. Ci sono difficoltà a sensibilizzare e rendere consapevoli le persone del luogo dell’esistenza della malattia”, spiega l’epidemiologo. Quello che si può fare è “sconfiggere l’Ebola solo con una grande campagna di sensibilizzazione, villaggio per villaggio”.
In Africa, la scaramanzia è forte. Ci sono tanti piccoli villaggi, popolati da etnie diverse che nutrono una profonda sfiducia nei confronti della medicina occidentale. Nascondono i malati per evitare che vengano portati nei centri di assistenza. Sono spaventate dalla morte dei loro cari, consumati da violenti dolori muscolari, mal di testa, vomito, diarrea ed emorragie.
La chiamano la malattia del “diavolo”. Tradotto: la malattia dei bianchi. Si pensa che la febbre sia un complotto o un’invenzione degli occidentali, che tanto male hanno fatto all’Africa, prima con la tratta degli schiavi, poi con la colonizzazione e ora con il saccheggio del sottosuolo.
Fonte: Rinascita

The treatment for ebola, along with accompanying MOA has been sent to this web site – JIMSTONEFREELANCE

Jim Stone, August 1, 2014

Permalink

This is a lengthy article, DO NOT SURFACE READ. The actual treatment for ebola which will virtually eliminate fatalities, as revealed by a doctor who has worked with ebola, is below.

Consider this: The elite would never release a plague without an easy cure, and along with this ebola outbreak an American biowarfare firm has been working in Sierra Leon for the last five years. Google that. Sierra Leon has actually identified them as the perpetrators of this outbreak and kicked them out of the country. There is absolutely no doubt this outbreak was intentionally caused by the U.S. war department.

And if it is intentional, a cure is known. There would simply be no other way to do business.

Here is the treatment, complete with MOA (metod of administration or mechanism of action). This is a treatment and not a cure, your immune system wipes out the virus, and the treatment gives your immune system time to do it. Here is what Ebola does that is fatal: It causes the complete removal of all vitamin C from the body. No one actually knows what mechanism is involved in doing this, other than a malfunction that is not permanently destructive to whatever is triggered to remove all vitamin C. All the researchers know is that vitamin C drops to zero and all the symptoms of ebola are consistent with a complete loss of vitamin C.

How do I know this? A doctor who has remained anonymous and has worked with ebola victims has discovered this and sent it to this web site, at last check this cannot be googled which confirms this doctor did not just copy paste, SO POST IT EVERYWHERE; GET THIS OUT THERE, THE TREATMENT FOR EBOLA WHICH WILL PREVENT DEATH IS KNOWN AND THIS IS AN EMERGENCY REQUEST FOR MY READERS TO SPREAD THIS INFO AND STOP THIS EBOLA ATTACK IN ITS TRACKS.

From an anonymous doctor:

Summary:

“The very first symptoms of ebola are exactly the same as scurvy, which is caused by inadequate vitamin C. Though scurvy is seldom fatal as a primary condition, scurvy also represents only a partial deficiency of vitamin C, the body still has a LOT of vitamin C compared to zero, which ebola causes. Absent ANY vitamin C, blood vessels become very weak and start to lose blood, and platelets become ineffective and unable to trigger clots. So death by ebola is caused by massive internal bleeding and loss of blood, which can be stopped simply by taking enormous doses of vitamin C until the immune system succeeds in killing off the virus.”

Begin text:

Ebola is probably the best known of a class of viruses known as hemorrhagic fever viruses. In fact, Ebola virus was initially recognized in 1976. Other less known but related viral syndromes include yellow fever, dengue hemorrhagic fever, Rift Valley fever, Crimean-Congo hemorrhagic fever, Kyasanur Forest disease, Omsk hemorrhagic fever, hemorrhagic fever with renal syndrome, Hantavirus pulmonary syndrome, Venezuelan hemorrhagic fever, Brazilian hemorrhagic fever, Argentine hemorrhagic fever, Bolivian hemorrhagic fever, and Lassa fever. The Ebola virus infection, also known as African hemorrhagic fever, has the distinction of having the highest case-fatality rate of the viral infections noted above, ranging from 53% to 88%.

These viral hemorrhagic fever syndromes share certain clinical features. The Cecil Textbook of Medicine notes that these diseases are characterized by capillary fragility, which translates to easy bleeding, that can frequently lead to severe shock and death. These diseases also tend to consume and/or destroy the platelets, which play an integral role in blood clotting. The clinical presentation of these viral diseases is similar to scurvy, which is also characterized by capillary fragility and a tendency to bleed easily. Characteristic skin lesions develop, which are actually multiple tiny areas of bleeding into the skin that surround the hair follicles. some cases even include bleeding into already healed scars.

In the classic form of scurvy that evolves very slowly from the gradual depletion of vitamin C body stores, the immune system will be sufficiently compromised for infection to claim the patient’s life before the extensive hemorrhage that occurs after all vitamin C stores have been completely exhausted. Ebola virus and the other viral hemorrhagic fevers are much more likely to cause hemorrhaging before any other fatal infection has a chance to become established. This is because the virus so rapidly and totally metabolizes and consumes all available vitamin C in the bodies of the victims that an advanced stage of scurvy is literally produced after only a few days of the disease.

The scurvy is so complete that the blood vessels generally cannot keep from hemorrhaging long enough to allow an infective complication to develop. Also, the viral hemorrhagic fevers typically only take hold and reach epidemic proportions in those populations that would already be expected to have low body stores of vitamin C, such as is found in many of the severely malnourished Africans. In such individuals, an infecting hemorrhagic virus will often wipe out any remaining vitamin C stores before the immune systems can get the upper hand and initiate recovery. When the vitamin C stores are rapidly depleted by large infecting doses of an aggressive virus, the immune system gets similarly depleted and compromised. However, this point is largely academic after hemorrhaging throughout the body has begun.

To date, no viral infection has been demonstrated to be resistant to the proper dosing of vitamin C as classically demonstrated by Klenner. However, not all viruses have been treated with Klenner-sized vitamin C doses, or at least the results have not been published. Ebola viral infection and the other acute viral hemorrhagic fevers appear to be diseases that fall into this category. Because of the seemingly exceptional ability of these viruses to rapidly deplete vitamin C stores, even larger doses of vitamin C would likely be required in order to effectively reverse and eventually cure infections caused by these viruses.

Cathcart (1981), who introduced the concept of bowel tolerance to vitamin C discussed earlier, hypothesized that Ebola and the other acute viral hemorrhagic fevers may well require 500,000 mg of vitamin C daily to reach bowel tolerance! Whether this estimate is accurate, it seems clear as evidenced by the scurvy-like clinical manifestations of these infections that vitamin C dosing must be vigorous and given in extremely high doses. If the disease seems to be winning, then even more vitamin C should be given until symptoms begin to lessen. Obviously, these are viral diseases that would absolutely require high doses of vitamin C intravenously as the initial therapy. The oral administration should begin simultaneously, but the intravenous route should not be abandoned until the clinical response is complete. Death occurs too quickly with the hemorrhagic fevers to be conservative when dosing the vitamin C. (from Vitamin C, Infectious Diseases, and Toxins:Curing the Incurable by Thomas E. Levy MD JD)

MY COMMENT: I may not be a doctor, but I am awful good with medical topics, and this rings 100 percent true, IT IS THE MOA which if combined with some of my medical knowledge, such as the fact that Broccoli is absolutely excellent for assisting the clotting of blood, that the active component of Noni (which is in pineapple juice) is strongly anti viral, and that cures such as colloidal silver, while good for bacterial infections does nothing for viruses, combine some real knowledge with what this doctor says and it is highly probable that Ebola can be shrugged off as a mild case of scurvy.

Beware the current Colloidal Silver psy op, the actual cure for Ebola has been given to this web site.

Colloidal silver is great stuff, and I have made gallons from a 1 ounce silver bar myself. It works great for curing BACTERIAL infections and making water safe to drink without the nasty taste of iodine. HOWEVER, COLLOIDAL SILVER WILL DO NOTHING AGAINST VIRUSES, AND HUGE LIES ARE BEING HATCHED RIGHT NOW TO MISGUIDE PEOPLE TO A FALSE EBOLA CURE AND THE ALTERNATIVE MEDIA IS LAPPING IT UP

All curative agents have a mode of action, or MOA. And if anyone posting medical cures does not know the MOA, they have no idea what they are talking about. Colloidal silver has an MOA that has been known for many decades, yet recently Google has been rigged to bury it with only articles stating “the MOA is being explored and we think it is ___(then disinfo)” and there has to be a reason why this is being done right now, at this point in time with Ebola running amok.

Here is how colloidal silver actually works (its MOA), with first an example: Colloidal silver is to bacteria what cyanide is for all red blooded organisms. In red blooded organisms, cyanide binds with hemoglobin in place of oxygen, and makes it impossible for blood to carry oxygen. With enough cyanide, oxygen starvation via cyanide bonded hemoglobin causes death.

Colloidal silver does the same for bacteria, it binds with the oxygen carriers in bacteria permanently, causing bacteria to quickly die from oxygen starvation. This is the MOA for colloidal silver, which has been clearly known practically forever.

VIRUSES HAVE NO METABOLIC PROCESSES WHICH REQUIRE AN OXYGEN CARRIER, AND THEREFORE COLLOIDAL SILVER WILL BE COMPLETELY INEFFECTIVE AGAINST EBOLA, do not let the misinformed in the alternative media fool you by saying colloidal silver is effective against viruses in any way, colloidal silver is only useful for treating secondary bacterial infections that move in after a preceeding viral infection and in the case of ebola, there is not enough time for that to make a difference.

It is extremely important to note that a HUGE psy op is underway to fake colloidal silver as a cure for viruses and there HAS TO BE A REASON, DO NOT FALL FOR IT.

FONTE: JIMSTONEFREELANCE