In Italia è normale…

… morire nelle carceri in circostanze misteriose, tipo:
arresto cardiaco (secondo l’infermiera del carcere), quando dall’autopsia risultano danni peggiori tipo otto costole rotte, la scatola cranica fracassata, due denti spezzati, due buchi in testa, mandibola, sterno e polso fratturati.
Ha più valore legale la parola di un’infermiera che quella stillata di un medico legale.
Complimenti, Italia.

Sto parlando del caso di Marcello Lonzi:

Ad esempio la morte di Marcello, un ragazzo in piena salute, ma morto all’interno del carcere di Livorno dopo un arresto cardiaco… “così porta il rapporto stillato dall’infermeria situata all’interno del Carcere”.

La perizia medico legale dichiara quanto segue: “Marcello presenta otto costole rotte, la scatola cranica fracassata, due denti spezzati, due buchi in testa, mandibola, sterno e polso fratturati.

l’infermeria del Carcere non ha dubbi: “Marcello Lonzi non è stato pestato, ma è morto per un normalissimo infarto“.

Beh… come non dare ragione al personale dell’infermeria… sono centinaia le persone che giornalmente vengono colpite da un infarto. Ma nessuno degli infartuati presenta ecchimosi in tutto il corpo, scatola cranica fracassata, 8 costole rotte, denti spezzati ed ematomi in tutto il corpo.

Direi tipica morte da infartuato.

Anche un ragazzo di nome Stefano cucchi, arrestato per qualche grammo di cocaina é deceduto per all’interno del Carcere Regina Coeli, per “malnutrizione”… così recita un generico e distaccato bollettino medico legale.

Beh… come non dare ragione al medico legale, sono centinaia in Italia le persone che giornalmente per malnutrizione. Infatti tutti quelli colpiti da un arresto cardiaco si presentano con LESIONI ed ECCHIMOSI alle gambe, al viso e al torace… oltre che con un occhio letteralmente fracassato.

Direi tipica morte di un cardiopatico.

Anche un ragazzo di nome Federico Aldrovaldi, il quale  é deceduto per “insufficienza funzionale cardio- respiratoria” , recita un generico e distaccato bollettino medico legale.

Beh… come non dare ragione al medico legale, sono centinaia in Italia le persone che giornalmente vengono colpite da insufficienza funzionale cardio- respiratoria. Infatti tutti quelli colpiti da insufficienza funzionale cardio- respiratoria si presentano con la testa fracassata, costole rotte e torace completamente distrutto.

Direi tipica morte da insufficienza funzionale cardio- respiratoria.

La domanda nasce spontanea: ma credete che la gente non abbia l’intelligenza di capire o comprendere come siano realmente andate le cose?

Cari signori, é inutile che ci prendiamo per il culo… in questo Paese la tortura é sempre esistita e continua ad essere presente nelle caserme, questure, carceri o meglio lager di Stato.

Mi rivolgo ai parenti di questi martiri: i vostri figli non sono morti per cause naturali… Bensì sono stati torturati, pestati, massacrati, umiliati e uccisi da un branco di BESTIE FRUSTRATE, le quali non aspettano altro che scaricare la propria repressione e insoddisfazione sul corpo dei vostri figli.

Nel nostro Paese non esiste il reato di tortura, anzi, si pratica e basta… Ci manca il ritorno allo schiavismo e buon Medioevo a tutti.

Andrea Mavilla.

– See more at: http://www.andreamavilla.com/2013/12/31/costole-rotte-testa-fracassata-denti-rotti-per-linfermeria-del-carcere-luomo-e-morto-dinfarto-2/#sthash.qmqTRu4t.dpuf

Ha più valore legale la parola di un’infermiera che quella stillata di un medico legale.
Complimenti, Italia.

Annunci

One thought on “In Italia è normale…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...