UNCLE SAM: LO ZIO DI GRULLO E CASALOGGIA

di Zorro

Popolo dello Stivale. Qui è Pepp’ Grullo che vi parla. Anche se la propaganda pacifista tenta di convincervi del contrario, il mio capo Casaloggia mi ha tranquillizzato: l’Italia non è in guerra, non c’è in realtà nessuna guerra, neanche ambientale. E le scie chimiche che vedete in cielo ogni giorno sono in realtà  un’invenzione comica di  Marcianò e un effetto speciale dei complottisti cretini. Britannia, Bilderberg, Nuovo Ordine Mondiale? Non sono faccende da camerieri! Certo, avrei dovuto dirvelo che il 4 aprile 2008 ho pranzato all’ambasciata USA, ma ci sono andato per essere adottato in tempo utile. Come si dice? Piatto ricco mi ci ficco. Le nostre guide d’Oltre Atlantico teorizzano giustamente la superiorità della razza americana, dei suoi interessi e del suo esercito sul resto del mondo. Comunque, tranquilli, è a tutto a posto: l’Italia non ha mai concesso né basi né spazio aereo allo zio Sam. Era già tutto suo dal 1943, dopo l’inciucio segreto di Cassibile. Le basi a stelle colorate sono da tempo territorio Usa a tutti gli effetti, occupano uno spazio grande più di una regione e non sono ancora Stato Usa autonomo perché in queste ore Obama sta decidendo il nome: Mafiopolis o Pizza Connection. In quanto alla spazio aereo, gli americani ci svolazzano già da 70 anni, basta pensare ai bombardamenti su città inermi, oppure al Cermis o se preferite a Ustica. Vi posso assicurare che nessun aereo di proprietà del Pentagono parte per la guerra dalla nostra sacra patria. Alcuni velivoli portano a fare un giretto alle bombe, perché a stare sepolte nell’hangar alla lunga si arrugginiscono e necessitano di aria. Per esempio: io ho due bombe atomiche B 61 in leasing nel mio villone in Liguria, ma non ho le chiavi. Comunque, ho già fatto il condono tombale grazie a Berlusca. Mi hanno detto che sono innocue e c’è da credergli, perché tra Ghedi ed Aviano ne hanno parcheggiate un centinaio ed ora ci prenderemo anche quelle della Germania e del Belgio che non le vogliono più. Non siete contenti? Non abbiamo mai venduto armi agli americani. Sono loro che ci tirano i pacchi come gli F 35. Però, ci hanno fatto lo sconto: da 12 a 15 miliardi di euro. No!!! Non siamo belligeranti: è semplicemente in atto l’operazione per esportare la democrazia in Siria, così come i nostri eroi hanno già fatto in Iraq, Afghanistan, Jugoslavia, Libia. Non mi risulta che ci siano morti né tra i civili né tra i soldati. Accendete la televisione e vedrete che nulla è cambiato: le solite facce di tolla pagate con valanghe di denaro pubblico.

 
Popolo italiano, insomma grullini, ragionate! Vi sembra che se ci fosse la guerra il mio amico Obama non me l’avrebbe detto? Lui ha la statura  di un pupazzo e recentemente si è messo anche a fare il comico per rubarmi il mestiere. Bontà sua. In parole terra terra: l’Italia non è in guerra, non c’è nessuna guerra, non ci sono morti né da una parte né dall’altra. Non ci sono manifestazioni sanguinose in tutto il medio Oriente, e il popolo siriano è entusiasta di questa pacifica invasione. Anche gli iraniani si sono messi in coda.
Sapete qual è la verità? La vera arma di sterminio di massa della casta di politicanti e di partiti sono io. L’ho promesso solennemente a mio Zio Sam. Apriremo il Parlamento come una scatoletta di tonno. Abbiamo cominciato con la confusione, poi abbiamo adulterato il buon senso, ora ci proviamo con l’annacquamento delle coscienze. M5S si allea con postfascisti e razzisti: parola mia d’onore. Scherzavo: c’avete creduto! Confidiamo nella tendenza degli Italiani a dimenticare in un amen, e in un pronto intervento sotto sotto dell’intelligence a mano armata contro chi osi ribellarsi al grande capo seduto. Perciò se vedete alla televisione immagini di morte e bombardamenti, sappiate che non sono vere, perché la guerra moderna non fa vittime.
E adesso vi lascio, prima di andare via per il week-end devo discutere con lo Zio Sam che sta dettando gli ordini, pardon i consigli per gli acquisti a Napolitano. C’è in ballo la nuova costituzione italiana versione online che Casaloggia ha stilato. E’ già pronta. Non c’è bisogno di approvarla. La democrazia è acqua passata.

Italiani, state tranquilli. Niente sangue né dolore né lacrime. Io vi proteggerò, vi consolerò, vi rassicurerò, io sono tutto. Credetemi. So prendermi le mie responsabilità e non dico bugie. Ve lo giuro sul nano di Arcore.
P.s.:  ho un sacco di cretini nel mio seguito e sono quelli che obbediscono meglio e senza fiatare!
Annunci

One thought on “UNCLE SAM: LO ZIO DI GRULLO E CASALOGGIA

  1. Carlo ha detto:

    Meraviglioso!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...