Quando un giornalista serio denuncia le scie chimiche viene minacciato

– R.C.- 7 luglio 2012- Stamane Gianni Lannes, firma di punta di Articolotre, ma soprattutto amico e collega, finalmente dopo un lungo silenzio mi contatta, poche e inquietanti parole “Scusa ho dovuto mettere al sicuro la mia famiglia, mi farò vivo presto”.
Rimango di stucco, ma sino ad un certo punto. Poco tempo fa Articolotre aveva dato la notizia, forse unico tra i media nazionali, dell’attacco che il blog di Gianni, ‘Su la testa’, aveva subito e delle minacce di morte che nuovamente erano state rivolte a lui e alla sua famiglia da anonimi vigliacchi.
Definito da una stampa becera ‘complottista’, viene da chiedersi se le denunce di Gianni Lannes relative a scie chimiche a terremoti artificiali fossero delle bufale, che senso avrebbe oscurare il suo sito e minacciarlo di morte. Ma chi lo conosce, quindi anche i suoi non pochi nemici, sa che Lannes è uno degli ultimi veri giornalisti d’inchiesta nel panorama italiano, serio e documentato, soprattutto uno con la schena dritta.
Leggi il resto dell’articolo a questo link, diffondilo, postalo per mail ad amici e conoscenti scettici e dubbiosi che non vogliono credere alle scie chimiche ed al NWO, aiutaci a far conoscere la storia di Gianni Lannes: solo diffondendo la notizia il più possibile possiamo essere d’aiuto a lui ed alla sua famiglia.
Annunci